MARCHIO_WEB_NAPOLINELCINEMA
07/06/2019, 15:37

sono solo fantasmi,christian de sica,carlo buccirosso,gianmarco tognazzi,napoli nel cinema,napoli,de sica,fantasmi



A-Napoli-si-gira-"Sono-solo-fantasmi"-il-nuovo-film-di-Christian-De-Sica
A-Napoli-si-gira-"Sono-solo-fantasmi"-il-nuovo-film-di-Christian-De-Sica
A-Napoli-si-gira-"Sono-solo-fantasmi"-il-nuovo-film-di-Christian-De-Sica
A-Napoli-si-gira-"Sono-solo-fantasmi"-il-nuovo-film-di-Christian-De-Sica


 Si svolgeranno a Napoli per 8 settimane le riprese appena iniziate del nuovo film diretto e interpretato da Christian De Sica con Carlo Buccirosso e Gianmarco Tognazzi, titolo "Sono solo fantasmi"



Il 3 giugno sono iniziate le riprese di "Sono solo fantasmi" il nuovo filmdi e con Christian De Sica, Carlo Buccirosso e Gianmarco Tognazzi.


Il film è una produzione Indiana Production in collaborazione con Miyagi Entertainment e leriprese si svolgeranno a Napoli per una durata di otto settimane, da unsoggetto di NicolaGuaglianone e Menotti,la sceneggiatura è firmata da Andrea Bassi, Luigi di Capua e Christian De Sica el’adattamento dialoghi di GianlucaAnsanelli.


La commedia uscirà nelle sale il 14 novembre distribuita da Medusa.


Il soggetto


THOMAS (Christian De Sica), ex mago in bolletta, e CARLO(Carlo Buccirosso), napoletano, sottomesso a moglie e suocerosettentrionali, sono due fratellastri che si rincontrano dopo anni a Napoli perla morte del padre Vittorio, giocatore incallito e donnaiolo. Scoprono di avereun terzo fratello, UGO (Gianmarco Tognazzi),apparentemente un po’ tonto ma in realtà un piccolo genio.


L’eredità, agognatada Thomas e Carlo, sfuma a causa dei debiti del padre e i tre hanno unagrande idea: sfruttare la superstizione e credulità napoletana, diventandodegli ’acchiappa fantasmi’. Proprio quando l’attività inaspettatamente sembraavere molto successo, lo spirito del padre Vittorio s’impossessa del corpo diCarlo.


Thomas e Carlo si convincono che i fantasmi esistonodavvero. Nel frattempo i fantasmi catturati dal trio si liberano e vanno arisvegliare il fantasma di una strega che minaccia di distruggere Napoli. Conl’aiuto del padre i tre fratelli cercheranno di salvare la città.


04/06/2019, 14:27

nastri d argento,capri revolution,il vizio della speranza,la paranza dei bambini,mario martone,edozrdo de angelis,tony tammaro,valeria golino,pina turco



Nastri-d’Argento-2019:-numerose-la-candidature-napoletane-e-campane
Nastri-d’Argento-2019:-numerose-la-candidature-napoletane-e-campane
Nastri-d’Argento-2019:-numerose-la-candidature-napoletane-e-campane
Nastri-d’Argento-2019:-numerose-la-candidature-napoletane-e-campane
Nastri-d’Argento-2019:-numerose-la-candidature-napoletane-e-campane
Nastri-d’Argento-2019:-numerose-la-candidature-napoletane-e-campane
Nastri-d’Argento-2019:-numerose-la-candidature-napoletane-e-campane


 8 candidature per "Il vizio della speranza" di De Angelis e "La paranza dei Bambini" di Giovannesi, 7 per "Capri-Revolution" di Martone ed "Euforia" della Golino - candidata anche la canzone di Tony Tammaro per il film di Capuano



Con una serata di gala al MAXXI di Roma sono state annunciate le candidature per la 73ma edizione dei Nastri d’Argento, premio a cura del Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani con il sostegno del MiBAC-Direzione Generale per il Cinema.


Come già negli ultimi anni, anche per il 2019 sono numerose le candidature per le opere, gli autori e gli attori napoletani e campani. In 8 categorie è candidato "Il vizio della speranza" di Edoardo De Angelis (Regista, Pina Turco-Attrice Protagonista, Marina Confalone-Attrice non Protagonista, De Angelis e Contarello-Sceneggiatura, Carmine Guarino-Scenografia, Vincenzo Urselli-Sonoro in Presa Diretta, Enzo Avitabile-Colonna Sonora e Canzone Originale con " ’A speranza").


Sono 8 le nominations anche per "La paranza dei bambini" di Claudio Giovannesi tratto dall’omonimo romanzo di Roberto Saviano (Miglior Film, Regista, Maurizio Braucci, Roberto Saviano e Claudio Giovannesi-Sceneggiatura, Palomar-Produttore, Daniele Ciprì-Fotografia, Daniele Frabetti-Scenografia, Giuseppe Trepiccione-Montaggio, Emanuele Cicconi-Sonoro in Presa Diretta).


Mario Martone con il suo "Capri-Revolution" è in corsa per 7 Nastri d’Argento (Regista, Marianna Fontana-Attrice Protagonista, Indigo Film-Produttore, Michele D’Attanasio-Fotografia, Giancarlo Muselli-Scenografia, Ursula Patzak-Costumi, Alessandro Zanon-Sonoro in Presa Diretta).


La napoletana Valeria Golino (che vanta la nomination come Migliore Attrice non Protagonista per "I villeggianti" di Valeria Bruni Tedeschi)  è l’unica donna candidata come miglior regista per il suo "Euforia" che è in lizza anche in altre 5 categorie (Miglior Film, Riccardo Scamarcio-Attore Protagonista, Isabella Ferrari-Attrice non Protagonista, Valia Santella, Francesca Marciano e Valeria Golino-Sceneggiatura, Giogiò Franchini-Montaggio).


Meritato riconoscimento la candidatura come Miglior Regista Esordiente per il giovane Ciro D’Emilio per il bellissimo "Un giorno all’improvviso" che vede anche Anna Foglietta in corsa per il Nastro d’Argento come Migliore Attrice Protagonista.


A proposito di sorprese della stagione cinematografica, pare doverosa la nomination di Alessio Lapice come Attore non Protagonista per la straordinaria interpretazione in "Il primo Re" di Matteo Rovere.  Fa molto piacere la candidatura per la bravissima partenopea Daria D’Antonio come Miglior Fotografia per il film "Ricordi?" di Valerio Mieli.


Non mancano le nominations "campane" per la scrittura cinematografica, con lo scrittore Diego De Silva candidato per il Soggetto di "Il grande spirito" di Sergio Rubini e Valia Santella e Francesco Piccolo in lizza per la Sceneggiatura de "Il traditore", il film di Marco Bellocchio in corsa addirittura per 11 premi.


Possiamo definirlo già un premio la candidatura come Miglior Canzone Originale per "La vitaaa", brano cantato da Biagio Izzo e scritto da Tony Tammaro con il regista Antonio Capuano per il suo film "Achille Tarallo"...eppure sarebbe una scena mitica vedere il Nastro d’Argento proprio tra le mani del grande Tony Tammaro.


04/06/2019, 14:27

massimo troisi,lello arena,roberto benigni,morto troisi viva troisi,renzo arbore,carlo verdone



Morto-Troisi,-viva-Troisi!-su-Rai-Play
Morto-Troisi,-viva-Troisi!-su-Rai-Play
Morto-Troisi,-viva-Troisi!-su-Rai-Play
Morto-Troisi,-viva-Troisi!-su-Rai-Play
Morto-Troisi,-viva-Troisi!-su-Rai-Play
Morto-Troisi,-viva-Troisi!-su-Rai-Play
Morto-Troisi,-viva-Troisi!-su-Rai-Play


 Il mitico finto documentario che Massimo Troisi scrisse e diresse come auto-epitaffio è disponibile su Rai Play



Una chicca da non perdere "Morto Troisi, viva Troisi!"; un capolavoro di comicità, un unicum nella televisione che finalmente possiamo tutti rivedere grazie a Rai Play.


"Morto Troisi, viva Troisi!" è un finto reportage sulla morte di Troisi, con la regia dello stesso comico napoletano e la collaborazione di Lello Arena e Anna Pavignano. Nella camera ardente una lunga serie di personaggi danno il loro estremo saluto, da Gianni Boncompagni a Maria Giovanna Elmi, dal cane Lassie a Pippo.


Roberto Benigni, ben nascosto dietro a una finestra opaca, inveisce contro gli eccessi di Massimo, mentre Lello Arena interpreta l’angelo custode del defunto.


Il mediometraggio è stato trasmesso all’interno della puntata di "Che fai... ridi?" del 21 gennaio 1982.




1245292
SOCIAL1SOCIAL2
facebook-64
twitter-64
Create a website