MARCHIO_WEB_NAPOLINELCINEMA
11/07/2018, 17:53

sul vulcano,gianfranco pannone,vesuvio,napoli nel cinema,napoli,giordano bruno,malaparte,toni servillo,matilde serao



SUL-VULCANO-di-Gianfranco-Pannone-su-Rai-Play
SUL-VULCANO-di-Gianfranco-Pannone-su-Rai-Play
SUL-VULCANO-di-Gianfranco-Pannone-su-Rai-Play
SUL-VULCANO-di-Gianfranco-Pannone-su-Rai-Play
SUL-VULCANO-di-Gianfranco-Pannone-su-Rai-Play


 Il documentario di Gianfranco Pannone sul Vesuvio disponibile in visione gratuita su Rai Play



Una delle opere documentaristiche più suggestive degli ultimi anni ...SUL VULCANO di Gianfranco Pannone è "un film bello e struggente, che indaga con delicatezza ma in profondità il rapporto inscindibile, cresciuto all’ombra del Vesuvio, tra l’uomo e l’ineluttabilità della catastrofe".

Ora é disponibile in visione gratuita su Rai Play, ed é ancora più suggestivo, emozionante ed emblematico vederlo dopo gli incendi che l’hanno in parte devastato nell’estate del 2017.


Il documentario parte dal racconto di Maria, Matteo e Yole: tre vite ai piedi del Vesuvio, in un luogo unico al mondo, ricco di miti, storia ed evocazioni letterarie.

Maria, che vive e lavora in un’azienda florovivaistica ai piedi di una villa vesuviana in abbandono, "coltiva" anche le proprie curiosità intellettuali ed è una custode discreta del vulcano.

Matteo, pittore di talento, rimette in gioco le sue opere fatte con la lava, testimonianza di un legame profondo con la terra da cui non si è mai staccato.

Yole, cantante "neomelodica", vive la propria libertà di giovane donna conciliandola con un’autentica devozione per la Madonna, espressione popolare di un sacro che ha sempre caratterizzato il Vesuvio, da Dioniso/Bacco a San Gennaro.


E se il proverbiale fatalismo partenopeo, dietro cui vive ancora oggi una diffusa devozione religiosa, derivasse proprio dalla presenza del vulcano, che per ben due millenni ha dato e preso alla gente che vive sotto di lui? Ma oggi chi è più pericoloso? Il Vesuvio, che potrebbe risvegliarsi da un momento all’altro, o l’uomo, che in meno di cent’anni ha prodotto danni d’ogni genere?


E sorge spontanea un’altra domanda: com’è stato possibile, tra case abusive e discariche d’ogni genere, produrre tanta bruttezza in così tanta bellezza?

Tra storie di vite vissute, preziosi materiali d’archivio ed evocazioni letterarie che vanno da Giordano Bruno al Marchese De Sade, da Giacomo Leopardi a Curzio Malaparte e che rivivono grazie alle voci di Toni Servillo, Andrea Renzi, Roberto De Francesco, Iaia Forte, Aniello Arena, Fabrizio Gifuni, Enzo Moscato, Renato Carpentieri, Donatella Finocchiaro, Leo Gullotta, Ciro Carlo Fico, Guenda Goria...Gianfranco Pannone prova a dare un senso a una "terra pazza" che infine rappresenta tutti noi.  



"Originale e potente questo film sul malaffare italiano della grande bruttezza che tenta di coprire la grande bellezza" - Maurizio Porro, Il Corriere della Sera 


"Intenso e poetico" - Alessandra Levantesi Kezich, La Stampa


"Il film più passionale, emozionante e autobiografico di Pannone" - Roberto Silvestri, Pagina 99  




1
SOCIAL1SOCIAL2
facebook-64
twitter-64
Create a website